Scott Matthew - Omonimo

L'artista statunitense, che propone un sound acustico intimo e toccante, suona stasera a Roma. Ecco la recensione del suo disco.

Scott Matthew - Omonimo

Scott Matthew
(Sleeping Star)
Voto: 6.5

 

L'artista underground newyorkese è conosciuto ai più per la colonna sonora di "Short bus", film di culto del regista americano John Cameron Mitchell (sbancò il Festival di Cannes alcuni anni fà) e, dopo aver lanciato in Italia “Ramona Cordova”, è ancora la romana Sleeping Star a pubblicare il suo disco per il nostro paese, mentre nel resto del continente è la storica etichetta tedesca Glitterhouse a curarne stampa e diffusione.

 

Le prime tre tracce del disco ben introducono i neofiti (coloro che non conoscono il film e non hanno curiosato su my space) al magico mondo musicale di Matthew, un mondo sospeso, onirico e fiabesco che sottende l’originalità di questo autore.
Due sono i musicisti che vengono in mente man mano che proseguono questi 11 magnifici brani : Anthony and the Johnsons e Jeff Buckley, autori che se da un lato esprimono la sofferenza generata da un anima dilaniata ed il senso di nichilismo della società contemporanea (più Anthony), dall’altro dimostrano un implicito senso di orgoglio, gioia e di ribellione (Buckley).

 

Scott Matthew è anche e soprattutto la trasposizione musicale dell’estetica artistica di “Cameron Mitchell” (colui che lo ha lanciato): è un personaggio in linea con la tradizione “out-folk” del luogo in cui vive, è bizzarro al punto giusto, esprime estrema velata malinconia.

 

Ma se Anthony ci ha insegnato che c’è modo e modo di esprimere tale sofferenza, Matthew traspone questo dolore (il dolore di colui che non sa piangersi addosso) in assoluta bellezza.
Leggasi il brano “Little Birds” e tutta la parte finale dell’album.

 

Questo è un ottimo disco, anche se certamente non uno dei cinque imprescindibili “dischi di canzoni” di questo anno come alcuni già sostengono.
Anche perché se l’originalità ed il gusto per l’arrangiamento è buon termine di paragone, allora lo Scott Matthew che preferisco è quello con arrangiamenti cameristici piuttosto che folk minimali alla Devendra o alla Ramona Cordova.
7 inediti e 4 rivisitazioni di brani già scritti per “Short Bus”.

 

SIto Ufficiale
Myspace


 

Gaetano Lo Magro

mailto:http://crakweb.forumfree.net/?f=4968894



20-04-2008

Caciara sudata al Circolo degli Artisti

Caciara sudata al Circolo degli Artisti

Il 3 marzo al Circolo degli Artisti i Monotonix al Circolo degli Artisti

Le radio romane che Crak vi suggerisce

Le radio romane che Crak vi suggerisce

Crak vi indica quelle emittenti che meritano di essere ascoltate

MATERIE PRIME:Spirit Of Eden (Talk Talk)

MATERIE PRIME:Spirit Of Eden (Talk Talk)

L'assordante quiete del 4° lp di Hollis e Co. Songwriter in cerca di se stesso.

Recensione live: Glasvegas

Recensione live: Glasvegas

Glasvegas in concerto
12 Maggio 2009
Magazzini Generali - Milano
Voto: 6.5

Handsome Furs - Face Control

Handsome Furs - Face Control

"Face Control"
(Sub Pop)
Voto: 7
2009

Recensione live: Michel Portal Unit

Recensione live: Michel Portal Unit

Auditorium Parco Della Musica, Sala Petrassi - Roma
16 Aprile 2009
Voto: 7,5