RockNRolla (Guy Ritchie)

L'ormai ex marito di Madonna, Guy Ritchie, ritrova la vena di "Lock&Stock"...

RockNRolla (Guy Ritchie)

RocknRolla

USA 2008

Un film di Guy Ritchie

Con:Gerard Butler, Jeremy Piven, Tom Wilkinson, Thandie Newton,

Sceneggiatura: Guy Ritchie

Fotografia: David Higgs

Montaggio: James Herber

 

PRESENTATO AL FESTIVAL DI ROMA 2008 

 

 

Londra. Un gangster russo organizza una megatruffa ai danni di praticamente tutta la mala londinese. Questa raggiro, legato ad investimenti immobiliari, coinvolgerà pericolosi signori del crimine (uno dei quali, Mr. One Two, il rappresentante della “nuova scuola” criminale contrapposta alla “vecchia scuola” del boss Lenny Cole, è, originalmente o banalmente a seconda dei punti di vista, uguale o quasi a Roman Abramovich), una sensuale contabile, una coppia in cerca di emozioni forti, un politico corrotto, una rock star americana in cerca di tranquillità ed un’altra in declino per colpa della dipendenza dal crack, oltre ad una variegata banda di ladruncoli, che si muoveranno l'uno contro l'altro, in un complesso gioco “del “gatto e del topo” dentro una cornice da classica commedia (nera) degli equivoci.
Dopo l’imbarazzante remake di “Travolti da un insolito destino…” (2002) e il confusionario e noiosissimo “Revolver” (2005) viene da pensare: Guy Ritchie l’ha fatto di nuovo.
Finalmente !
Così come in Lock&Stock (1998) e Snatch (2000), l’ormai prossimo ex marito di Madonna ha ritrovato quel brillante stile visivo e una line-up di personaggi nuovamente sopra le righe, divertenti ed eccitanti, è paradigmatico che la sceneggiatura sia stata ispirata dalla tormentata vita del rockettaro tossico Peter Doherty, per i quali era diventato famoso. Sia che la storia sarà di più o meno gradimento non si potrà negare, usciti dal cinema, che Ritchie è ancora un regista capace di regalare due ore di puro elettrizzante svago.
I film più belli e riusciti del regista britannico hanno sempre avuto una marcia in più nella tecnica e nel gusto della messinscena, mentre spesso la sostanza rimaneva nascosta, se non si sapeva dove andare a cercarla. Ma forse è proprio la forma il vero contenuto dei suoi film e in RockNRolla questa è al suo massimo. Quando Lenny (la “vecchia scuola”) dice che una tal cosa costa un braccio e una gamba, letteralmente significherà un braccio e una gamba, naturalmente con ferocia sanguinaria, e ciò  perché il regista in questo modo aiuterà, almeno chi apprezza il suo humor nero e il suo gusto pop ( gloria alla costumista, Suzie Harman), a superare le rughe di una storia non sempre lineare e non priva di qualche piccolo buco.
Non saprei se RockNRolla sia il miglior film di Ritchie, Snatch probabilmente ad oggi rimane il mio preferito, ma vi sono numerosi momenti geniali che potrebbero farlo pensare a molti. Come in un viaggio in macchina tra amici i ritmi della narrazione si alternano, più lenti o più sincopati, fino ad arrivare al culmine nel finale, che non si dimenticherà facilmente.
RNR non vincerà sicuramente nessun’oscar, nessuna palma, orso o leone, ma altrettanto certamente è anche un sempre troppo raro esempio di cinema di intrattenimento al suo meglio.
Guy Ritchie ha rivelato di aver già scritto un sequel da girare se, come lo stesso regista si augura, questo suo ultimo lavoro avrà il successo sperato.

 

UNISCITI AL NOSTRO GRUPPO SU FACEBOOK

PARTECIPA AL NOSTRO SOCIAL NETWORK

UNISCITI AL NOSTRO MYSPACE

HOMEPAGE CINEMA

 


Pietro Cattaneo


24-10-2008

Che Bella Giornata (Checco Zalone)

Che Bella Giornata (Checco Zalone)

CRAK! è andato a vedere il nuovo film di Checco Zalone. Andare o non andare?

Beket (D.Manuli)

Beket (D.Manuli)

Torna Manuli, a dieci anni di distanza da “Girotondo, giro intorno al mondo"

Two Lovers (J.Gray)

Two Lovers (J.Gray)

La versione indie del Nuovocinemaparaculo all'americana

Che - L'argentino (S.Soderbergh)

Che - L'argentino (S.Soderbergh)

Convince poco il Che Guevara dell'accoppiata Soderbergh-Del Toro.

Gran Torino (Clint Eastwood)

Gran Torino (Clint Eastwood)

Clint Eastwood colpisce ancora, confezionando l'ennesimo grande film.

L'Onda (Dennis Gansel)

L'Onda (Dennis Gansel)

Bel film tratto dal celebre esperimento di Palo Alto del 1967.