La Pecora Nera (Ascanio Celestini)

Venerdì 13 Giuno ore 21.30@Villagio globale
ingresso 7 Euro

Venerdì 13 giugno 

 

La Pecora Nera di e con Ascanio Celestini

 

Dalle ore 21.30 @ Villaggio Globale 

 

 

 

Lungotevere Testaccio - Roma.

 

Ingresso 7 Euro.

 

 

 

In apertura concerto della cantautrice e poetessa

 

 Giulia Ananìa.

 

 

 

"Chi erano i matti prima della legge 180  nei tempi  (molto prossimi) in cui la diversità era follia?"

 

Limpianto è quello: scena disadorna, monologo narrante e alle spalle anni (tre) di preparazione sul campo (nel caso specifico: storie di manicomi raccolte in varie città dItalia). Ma qualcosa è cambiato in Ascanio Celestini e in questo suo nuovo e molto atteso spettacolo che ha debuttato a Perugia, prodotto dallo Stabile dellUmbria e da Fabbrica. La pecora nera cerca infatti di spostare i confini di un formato conosciuto e praticato dallattore romano con grande successo. Parte, da quelle premesse note, dai ritmi affabulatori e circolari, e gira su se stessa in cerca di punti di fuga. E li trova in un presente misto di fantasia e realtà. Nellimmaginario frammentato e nella confessione dondolante del protagonista, nato nei favolosi anni Sessanta, io narrante ed errante di una vita passata sul bordo e finita parcheggiata nell’”istituto per trentacinque anni, un po per caso e un po per disavventura.

In questo procedere fluttuante, nellonda che riporta sulla riva del palcoscenico i detriti della contemporaneità, tra ovetti Kinder per Pasque infinite, vino nel tetrapak e il sapore di sale, di mare, di ragni e di cremini, Celestini ricostruisce un mosaico bizzarro che parla delloggi e di umanità rimosse. Non solo quella degli ex manicomi, dove si pratica lelettroshoch per creare cortocircuiti in menti troppo spente o troppo accese, ma anche nei supermercati, ovvero nei tanti non-luoghi della nostra modernità. E in questo oscillare tra fuori e dentro, dal chiuso del manicomio al chiuso del supermercato, accavallando memorie la nonna e le sue uova fresche, la mamma legata al letto di contenzione, i compagni di scuola è nella digressione continua fra reale e immaginario che il protagonista ci regala i suoi sguardi daltrove. E i suoi pensieri da pecora nera, ovvero di ragazzo cresciuto isolato, lasciato in balia delle sue paure, in bilico su quel bordo, rinchiuso con gente che dà la testa nel muro, che si impicca, che muore, con il direttore che assomiglia a Dio e la vecchia suora che fa le puzze. Fermo a trentacinque anni prima, quando il mondo intorno ancora girava e lui non era un altro da sé.

E una fiaba piena di ombre quella che Celestini racconta, ma anche di umorismo grottesco, di scherzi per cacciare il buio e la paura, per avvicinarci a quello che sentiamo diverso e scoprire che poi non è tanto. Un lavoro-spugna, La pecora nera, dove affiorano tracce di storie e di teatro, di ricordi collettivi e pubblicitari. Campionamento in via di definizione che comincia come American Beauty e che finisce come una pièce di Rodrigo Garcia fra macerie alimentari.

 

 

Giulia Anania è una giovane cantautrice e poetessa romana.

Il suo primo libro di poesia "Nessuno bussa" (Zone ed, 2005) ha vinto tre premi nazionali tra cui il Premio Camaiore .

Nelle sue canzoni ama unire a melodie semplici a liriche ironiche e critiche che disegnano la realtà incerta della nostra epoca: storie di adolescenza, amori indecisi, viaggi onirici  e paesaggi urbani. Un lirismo cinematografico.

Numerosi i riconoscimenti tra i quali : Premio della critica Anna Magno al Festival di San Marino , vincitrice della trasmissione Liberi Gruppi della storica radio libera milanese Radio Popolare, vincitrice di Labaro Rock 2007,  finalista al Premio canzone d'autore Fabrizio de Andrè 2007 e MArte live 2007, artista dell' anno al Maqueta Day(2008).

Ha un intensa attività live che l'ha portata ad esibirsi in tutta Italia, nelle radio libere come nei centri sociali e nei più importanti locali , festival e teatri nazionali.

Nell'estate del 2006 ha realizzato un lungo tour di strada in Francia (Arles, Carcassone, Aque morte, Montpellier) e Spagna (Valencia, Cordoba, Granada, Seviglia, Cadiz) e continua a portare frequentemente la sua musica in Francia e in Spagna (nel Marzo 2008 ha realizzato un mini tour in Francia tra Dijon e Parigi).

Collabora con i più importanti musicisti della scena romana e ha la fortuna di dividere spesso il palco con il cantautore Filippo Gatti che assieme a Daniele Sinigallia cura la produzione artistica.

Spesso nei suoi live ama unire la canzone alle arti visive coinvolgendo fotografi, videomaker, illustratori.

Pietro D'Ottavio, giornalista musicale, l'ha definita sulle pagine di Repubblica "..la promessa della musica d'autore italiana" 

 

 

 

 

 

 


redazione crak!


12-06-2008

14 Dicembre: Marco Travaglio

14 Dicembre: Marco Travaglio

14 dicembre al GranTeatro
V.le di Tor Di Quinto, 1 ore 21
Info: 06.54220870

L'inverno di Frankie Machine

L'inverno di Frankie Machine

Di Don Winslow
Einaudi
320 pp.
16,00 euro

Lorenzo Guadagnucci-Noi della Diaz

Lorenzo Guadagnucci-Noi della Diaz

Terre di Mezzo editore

Fuori Piove (G.Cardillo)

Fuori Piove (G.Cardillo)

Teatro Cometa Off
Via Luca Dalla Robbia 47
06 57284637

Andrè Helena - Un uomo qualunque

Andrè Helena - Un uomo qualunque

(Le Demi-Sel)
Fanucci Editore
192 pp.
16 Euro.

ACAB - Carlo Bonini

ACAB - Carlo Bonini

ACAB
Carlo Bonini
(Einuadi Stile Libero)
191 pp.
16,50 euro