Il Volo di Mario Monicelli

Il suicidio del regista ci costringe a guardarci dentro. Il ricordo del Regista, intrecciato alla nostra cattiva coscienza

Un ragazzino di novantacinque anni. L'ultimo anelito di un romanticismo adolescenziale, feroce.

Monicelli si è gettato dalla sua stanza di albergo, "solo e depresso", stando a quanto dichiarato da lui stesso ai medici. All'annuncio di Fazio, ieri in diretta, è stato difficile non andare con la mente alla sua intervista a Rai Per Una Notte, in cui con la lucidità propria di chi ha conosciuto la guerra e la fame, stigmatizzava la realtà italiana alla sua base, arrivando al centro della storia: l'attitudine tutta nostra a delegare le proprie responsabilità, rinunciando a un po' (quanto dipende dalle circostanze) di libertà personale, in cambio della tranquillità di chi deve obbedire solo agli ordini, magari con l'illusione di fare altrimenti.

Ventotto anni anni di Berlusconismo - sono quelli passati dalla nascita della TV commerciale ad oggi;  sedici anni di Peronismo - sono quelli passati dal 1994. Se sommati alla nostra incapacità di sottrarci a questa strana inerzia mentale, ecco che si arriva all'oggi. Tanto per proseguire con gli elenchi che vanno molto, ultimamente:

Cocaina e mignotte - dice maggiorenni -  nei palazzi di potere;

Il Bunga Bunga e la nipote di Mubarak;

Gli studenti e i ricercatori sui tetti degli atenei;

L'eleganza "viennese" delle sue feste raccontata da Berlusconi.

E Veltroni che addossa a Bersani la responsabilità del crollo elettorale. E Vendola che non è attendibile perché è omosessuale e ha l'orecchino. E Fini che vuole raccogliere i cocci di una destra legalitaria che capisce le rimostranze degli studenti, ma che poi vota la riforma.

La cultura? Bondi.

Le pari opportunità? La Carfagna.

La Pubblica Istruzione? La Gemini.

La Giustizia? Alfano.

E mentre la TV ci assale con Paillettes, zinne e culi da antologia, Monicelli decide di farla finita: a novantacinque anni ne ha viste, di cose. Molte le ha raccontate, con feroce disincanto. Ora forse è il momento di far raccontare ad altri l'uscita di scena di un protagonista. L'ultimo ciak è tutto per noi: prima o poi ci sarebbe toccato, e lo si sapeva....


Anadi Mishra


30-11-2010

"Paz e Pert": le tavole in esposizione

"Paz e Pert": le tavole in esposizione

Palazzo Incontro
Via dei Prefetti, 22
dalle 10 alle 19
costo: 6€
Lunedi chiuso

Il Crepuscolo delle Idee

Il Crepuscolo delle Idee

Berlusconi rimane in sella (ma è rimasto senza staffe)

Caciara sudata al Circolo degli Artisti

Caciara sudata al Circolo degli Artisti

Il 3 marzo al Circolo degli Artisti i Monotonix al Circolo degli Artisti

Record shop a Roma

Record shop a Roma

Crak indica una serie di negozi di dischi a Roma tra i più validi per catalogo

Le radio romane che Crak vi suggerisce

Le radio romane che Crak vi suggerisce

Crak vi indica quelle emittenti che meritano di essere ascoltate

Crak! è tornato, evviva Crak!

Crak! è tornato, evviva Crak!

Sarà il freddo, sarà il campionato di calcio brutto, ma da queste parti...