Fausto Rossi - Becoming Visible

Breve, senza orpelli, di una semplicità intensa e disarmante. E' l'atteso ritorno di un grande outsider italiano. Tutto cantato in inglese.

Fausto Rossi in concerto
Fausto Rossi in concerto

Fausto Rossi: Becoming Visible

Interbeat 2009

Voto: 7.5

 

Musicisti (formazione complessiva): Fausto Rossi (voce, occasionalmente chitarra, pianoforte); Massimo Betti (chitarre); Stefano Brandoni (chitarre); Franco Cristaldi (basso).

 

"I wish I was an alien", vorrei essere un alieno, canta Fausto Rossi, già Faust'O, nella canzone che apre questo nuovo Becoming Visible. Ma Fausto è un alieno, da sempre, nel panorama musicale italiano. Un autore di canzoni e musicista dalla personalità forte, con 10 album (e una manciata di collaborazioni scelte) sparpagliati in oltre 30 anni di attività. 

 

Un outsider per scelta o per natura, che ad ogni ciclico ritorno ha un po' cambiato pelle, e a un certo punto anche  il nome, rimanendo sempe se stesso. Tante le strade percorse, dalla proposta degli esordi che si stagliava per originalità nella generale sbandata new wave, agli esperimenti strumentali e al pop venato di elettronica di metà anni '80 / primi '90, e infine a una fase che potremmo dire di rock d'autore, con un paio di lavori (l'Erba e l'apocalittico Exit) che risplendevano di sensibilità matura. E la strada, tuttavia, a ben vedere è sempre stata una sola: la sua.

 

Undici anni tra un disco e un altro sono un'eternità, specie in un mercato saturo di gente che reclamizza anche la più occasionale e inopportuna delle proprie scorregge. Tanti ne sono trascorsi da Exit, e Fausto torna con otto pezzi, in inglese, in un cd molto breve per gli standard odierni. Mezz'ora scarsa, altro dato in controtendenza rispetto a ogni consuetudine mercantile. Gli è bastata, per dire quel che aveva da dire. L'intensità e la sincerità con cui Fausto Rossi scrive, canta, vive le sue canzoni sono tali che è imperativo ragionare in termini di qualità piuttosto che di quantità, e di questi tempi è un'occasione rara. 

 

Frutto di una partnership produttiva con Luigi Piergiovanni (Rosybyndy) che, leggo nelle note stampa, prelude ad altri due lavori,  Becoming Visible è un disco quasi interamente acustico, tanto che Foolish Things, unico brano con un'elettrica distorta, è posto all'inizio,  come a dire "ci togliamo il pensiero". Non che Rossi non cerchi l'ascolto, anzi -  il disco nuovo non è meno comunicativo del precedente -  ma l'impressione è che canti e parli prima di tutto a se stesso. Si conforta, si coccola, si prende per mano (e  "prendimi per mano Fausto ovunque andrai" lo aveva già cantato), si prende in giro e se necessario si prende a calci. Con amore. Le canzoni sono semplici, ma mai banali. Menzione speciale per  Paradise, Stand Apart e Don't Cry, che mi sembra esemplifichino meglio il tratto comune a tutto il lavoro: una certa sospensione tra distacco (a volte ironico) e sofferta partecipazione, rispetto alle illusioni, agli affanni e ai dolori del mondo. Non è questa, la consapevolezza?

 

SITO UFFICIALE


Adriano Lanzi


23-04-2009

Caciara sudata al Circolo degli Artisti

Caciara sudata al Circolo degli Artisti

Il 3 marzo al Circolo degli Artisti i Monotonix al Circolo degli Artisti

Le radio romane che Crak vi suggerisce

Le radio romane che Crak vi suggerisce

Crak vi indica quelle emittenti che meritano di essere ascoltate

MATERIE PRIME:Spirit Of Eden (Talk Talk)

MATERIE PRIME:Spirit Of Eden (Talk Talk)

L'assordante quiete del 4° lp di Hollis e Co. Songwriter in cerca di se stesso.

Recensione live: Glasvegas

Recensione live: Glasvegas

Glasvegas in concerto
12 Maggio 2009
Magazzini Generali - Milano
Voto: 6.5

Handsome Furs - Face Control

Handsome Furs - Face Control

"Face Control"
(Sub Pop)
Voto: 7
2009

Recensione live: Michel Portal Unit

Recensione live: Michel Portal Unit

Auditorium Parco Della Musica, Sala Petrassi - Roma
16 Aprile 2009
Voto: 7,5