Faceboom!

Il social network più immediato (e limitato) conquista l'Italia

Faceboom!

Quando, dopo la sbornia natalizia durante la quale verranno dispensati baci e regalini a profusione  tra migliaia di sconosciuti, Facebook andrà in picchiata, non ci faremo caso perché saremmo già imbottigliati nelle spire di Myspace che avrà riconquistato gli utenti persi a Settembre. In effetti la febbre di Facebook in Italia è arrivata tardi, come tutto del resto e non segue il trend discendente che ha nel resto del globo dove l’influenza di alcuni Social Network è più forte in alcune zone piuttosto che in altre. In questo senso, in America, dove la sua penetrazione è stata più rilevante sta perdendo colpi da parecchio tempo. Facebook ha un vantaggio indiscutibile rispetto agli altri che spiega il successo in Italia: è più idiota e quindi più semplice. Ti fa fare i cazzi degli altri, ci metti meno a costruire il tuo profilo (per Myspace era necessario un bel pomeriggio di lavoro), ti fa rimorchiare e beccare dal partner con una velocità incredibile perché tutto è visibile da tutti. Stimola quindi l’invasività, una certa pruderie associata al voyeurismo e il viziaccio tricolore di mancanza assoluta di discrezione e privacy. Intendiamoci, chi è dentro lo fa a suo rischio e pericolo. Costretto ad accettare persone di lavoro per non apparire maleducato, l’utente medio è altresì obbligato a nascondere agli stessi le proprie attività con esiti disastrosi. Il capo sa se sei andato ad una festa in discoteca la sera prima di una consegna e può ricavare anche le foto in cui balli ubriaco con una bionda il cui cognome finisce sicuramente in –ova. Altre controindicazioni: Una sorta di etichetta ti spinge a non rifiutare mai amicizie e in breve tempo ci si ritrova a perdere il contatto con la realtà appassionandosi alla vita e agli amici di sconosciuti che tolgono il tempo agli amici veri (se mai esistono); si diventa fan e ci si associa a qualsiasi gruppo demenziale che nasce e muore in pochi giorni “I fan della grattata di balle mattutina” “Quant’è buono il succo di pera” “Aristide Moretti il cornettaro di Via de Lollis è un mito”; non si parla d’altro nelle tavolate di gruppo “Tu ci sei su facebook?” “Come si fa a scrivere in bacheca?” “Ma se carico le foto tu le vedi?”. Il paese è sull’orlo del collasso e noi prima di accorgerci che nelle banche i nostri soldi saranno equiparati a carta straccia ci preoccuperemo della difficoltà a reperire la bellissima compagna di classe delle medie che ricerchiamo ogni settimana e non c’è, maledizione!  In Italia, l’incredibile impennata di Facebook coincide con il triste ritorno al lavoro a settembre che ha evidentemente moltiplicato il cazzeggio negli uffici cercando di lenire il sovraccarico di ansia e tristezza da fine estate. Intendiamoci, chi vi parla è un drogato di social network, è presente in almeno 5 di essi con la stessa foto e ritiene che per alcuni versi da ognuno di questi si può tirare fuori qualcosa di buono. Last fm per esempio è molto utile per appuntarsi i concerti nelle propria città, Anobii per scoprire nuovi libri, Myspace ha grandissimi meriti finora imbattuti nella scoperta di nuovi artisti. Facebook no, non ha nessun merito, funziona perché ora sono tutti lì. Quando gli utenti si sposteranno da un’altra parte morirà da sé in cupio dissolvi. Se qualcuno alla Apple inventerà la versione I-Phone per social network, e cioè una piattaforma che ti permette di controllarli tutti con pochi, semplici passi avrà conquistato il mondo. In attesa dell’evento mi limito a sfrondare da Facebook tutti quelli con i baffi (come nel famoso gioco “Indovina chi”).

Ma visto che nemmeno Crak! è immune dal faceboom...

Diventa amico di Crak su Facebook

Unisciti al gruppo di Crak su Facebook


Tommaso Capolicchio


16-10-2008

Nuovo Canale:rivista letteraria online

Nuovo Canale:rivista letteraria online

Nasce Nuovo Canale, rivista letteraria scaricacabile in .PDF.

Uniriot: la rivolta corre sul web

Uniriot: la rivolta corre sul web

Il network delle univerità in lotta contro la Gelmini. E non solo.

Cinebloggers, diamo i voti ai film

Cinebloggers, diamo i voti ai film

Un comitato di blogger che ha catalogato intere stagioni cinematografiche

Ufficio

Interviste internet: i resistenti

Resistenza Umana è un atto di sovversiva e intelligente ironia

Internet/7: Chrome il browser 2.0

Internet/7: Chrome il browser 2.0

I browser ai quali siamo stati abituati erano progettati per siti statici.

pataterna

Bloggata... con la schiena

Pataterna sa fare bene il mestiere della blogger